lunedì 7 febbraio 2011

E' morto Gary Moore

Leggendo questa notizia sono rimasto allibito. E' morto ieri a soli 58 anni, mentre si trovava in vacanza in Spagna. A mio avviso è stato un grandissimo chitarrista, uno dei miei preferiti, soprattutto nella sua fase "Rhythm and Blues", in cui è riuscito a dare un'impronta heavy metal a vecchi classici blues. Per intenderci "Still Got the Blues", del 1990 è stato uno degli album più riusciti di quegli anni e ancora oggi mi capita spesso di riascoltarlo. Ottimo anche "Blues Alive".
Ho avuto la fortuna di vedere e ascoltare dal vivo Moore e la sua band al Pistoia Blues del 1997, uno spettacolo d'altri tempi, con trombe, sassofoni, pianoforte, armoniche, le coriste, le sue chitarre graffianti e la sua voce blues. Ma quello che ricordo di più sono i virtuosismi dei suoi assoli di corde tirate, vibrati e di tapping con la sua inseparabile Gibson Les Paul e il suo essere a proprio agio sul palco. Un vero professionista, una carica esplosiva di sound allo stato puro.

It's gonna be a cold day in hell

3 commenti:

Mr. Tambourine ha detto...

Volevo mettere un commento di dolore, ma sto rosicando troppo perché tu l'hai visto live quando io ero just fourteen.

Elena ha detto...

E io ho il rammarico di averlo "conosciuto" troppo tardi ... vi invidio un po' ...

chit ha detto...

Nel campo dell'arte, e forse non sono in questo, spesso da morti si ottiene quel riconoscimento che non sempre si è ricevuto quando si era in vita. Grazie al tuo e ad altri post altri conosceranno questo grande chitarrista e avranno modo di ascoltarlo. Sul gradimento non nutro dubbi perchè era un grande.
Addio Gary e grazie per tutto quello che ci hai lasciato in eredità!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...