martedì 3 giugno 2008

Carlo Rubbia sul nucleare

Le considerazioni del premio Nobel per la fisica ci dovrebbero far riflettere:
"non esiste un nucleare sicuro O a bassa produzione di scorie. Esiste un calcolo delle probabilità, per cui ogni cento anni un incidente nucleare è possibile e questo evidentemente aumenta con il numero delle centrali"... "l'uranio è destinato a scarseggiare entro 35-40 anni. Non possiamo continuare perciò a elaborare piani energetici sulla base di previsioni sbagliate che rischiano di portarci fuori strada. Dobbiamo sviluppare la più importante fonte energetica che la natura mette da sempre a nostra disposizione, senza limiti, a costo zero: e cioè il sole che ogni giorno illumina e riscalda la terra".

4 commenti:

Melina2811 ha detto...

Su questo hai ragione.... infatti con qualsiasi cosa si può sbagliare e con il nucleare se succede son guai seri..... è anche vero però che forse non ci sarà alternativa e ci si dovrà arrivare anche in Italia. Maria

Scogliera a picco sul mare ha detto...

Ciao! Grazie della visita e a rileggerti :)

Tiziano Tescaro ha detto...

Non solo l'energia solare, ma anche quella eolica, e la scissione molecolare e lo sfruttamento dell'idrogeno... ma penso che il ritardo sia dovuto a un business nascosto. grazie del comment, buona giornata da Tiziano

RoVino ha detto...

Niente di più vero, Rubbia è sempre stato una persona seria, oltre che un grande scenziato. I giochetti politici sulla nostra pelle sono davvero una cosa vergognosa.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...